La mentoplastica è l’intervento chirurgico di correzione del mento. L’operazione può avere un duplice obiettivo: aumentare o ridurre la struttura mentale. Con un intervento di mentoplastica è possibile rimediare laddove la genetica ha determinato un’ antiesteticità del volto, modificando la forma e dimensione del mento e donando così una nuova armonia dei lineamenti. L’intervento di ricostruzione del mento è disponibile sia per uomini che per donne di varia età.

 

 

TIPOLOGIE DI MENTOPLASTICA

La chirurgia plastica distingue due tipologie di mentoplastica in relazione alla dimensione del mento. Per la correzione di un mento ridotto, l’intervento si definisce additivo, in caso opposto si parla di mentoplastica riduttivaOltre a determinare un cambiamento ottimale del viso, l’intervento di mentoplastica, sia additiva che riduttiva, ha il vantaggio di non lasciare cicatrici visibili perché le incisioni non sono svolte direttamente su cute ma nella cavità orale.

 

 

MENTOPLASTICA ADDITIVA

La mentoplastica additiva aumenta la dimensione del mento inserendo nella specifica zona, una particolare protesi, tramite un’ incisione effettuata all’interno della cavità ovale. Quale sarà la grandezza del mento alla fine dell’operazione è stabilito e mostrato al paziente prima dell’operazione in visita di controllo.

 

 

MENTOPLASTICA RIDUTTIVA

L’intervento di mentoplastica riduttiva è in linee generali più particolare rispetto a quello additivo. Si tratta infatti di ridurre la dimensione del mento asportando una parte dell’osso eccedente tramite una fresa. Si incide all’interno della cavità orale in prossimità della mandibola e si procede all’eliminazione ossea.

 

 

COME SI SVOLGE L’INTERVENTO

L’operazione è svolta in ricovero o day-hospital a seconda della scelta del chirurgo, ma sempre in anestesia locale seguita da sedazione. La modalità di intervento varia a seconda che si tratti di un correttivo per aumentare o ridurre la dimensione del mento. In entrambi i casi si incide dinanzi l’arcata dentale inferiore per poi procedere ad inserimento protesi o asportazione e levigazione ossea. Una volta inseriti i punti di sutura, si applica un sostegno mandibolare esterno (mentoniera) per sostenere la zona operata. Un’ora è il tempo medio necessario all’intervento di mentoplastica, con una variabilità connessa all’interesse dell’operazione( aumentare o diminuire il mento).

 

 

LA FASE POST-OPERATORIA

Il riposo è sempre importante dopo un intervento chirurgico e per la mentoplastica è ulteriormente consigliato limitarsi nel parlare per non muovere troppo la zona mento. La mentoniera è necessaria per almeno i primi giorni e sarà il chirurgo a stabilire i tempi occorrenti per una buona guarigione. Dopo un determinato numero di giorni il paziente si recherà dal chirurgo per ulteriore controllo, e se necessario si procederà ad una sostituzione della medicazione.

 

 

RISCHI DELL’INTERVENTO DI MENTOPLASTICA

Gli svantaggi di un qualsiasi intervento di chirurgia plastica sono proprio i rischi ad essi connessi. Nel caso della mentoplastica, vi è un rischio di infezione legato alle protesi. È perciò importante che l’operazione sia svolta in un luogo sterilizzato da un chirurgo con una idonea capacità di mestiere e che il paziente assuma gli antinfiammatori o gli antibiotici prescritti per la fase post-operatoria.

 

 

COSTO DELLA MENTOPLASTICA

Ogni medico ha un suo prezzario e pertanto non è conseguibile indicare un prezzo base della mentoplastica. Inoltre il costo dell’operazione dipende anche se il cambiamento del mento è stato di tipo additivo o riduttivo.

 

 

Presso il centro Skin Laser Clinic di chirurgia estetica di Pescara San Benedetto del Tronto, per l'intervento di Mentoplastica vengono utilizzati categoricamente solo prodotti certificati che garantiscono ai pazienti la massima sicurezza ed affidabilità.