In ambito dermatologico l’applicazione del laser Q-switched trova posto nell’ambito dell’eliminazione delle macchie della pelle e dei tatuaggi. Le patologie trattabili con questa nuova e innovativa tipologia di laser sono molteplici e sono tutte riconducibili a problemi riscontrabili a livello del derma: le lentiggini acquisite, anche dette macchie solari, che possono essere trattate in una o due sedute massimo con ottimi risultati; lesioni pigmentate, come i tatuaggi; efelidi, lesioni di natura più profonda; iperpigmentazioni e melasma, entrambi facilmente eliminabili con l’uso del laser 1064.

 

 

LA PARTICOLARITA’ DEL LASER Q-SWITCHED

Tale tecnologia sfrutta il potere della foto termolisi selettiva per eliminare lesioni cutanee più o meno profonde, avendo la possibilità di generare fasci di luce con lunghezze d’onda diverse (una a 1064nm e l’altra a 532nm) ad azione selettiva in grado di eliminare i pigmenti di una frazione circoscritta del derma senza andare a danneggiare le zone circostanti in seguito alla produzione di calore. Anche l’epidermide può rappresentare un bersaglio per il trattamento con il laser Q-Switched, dal momento che tale tecnologia mette a disposizione, come già detto, una duplice lunghezza d’onda, in particolar modo per l’epidermide quella a 532nm, in grado di trattare le lesioni cutanee più superficiali. La selettività di tale metodo ha reso il laser Q-Switched un valido alleato contro l’eliminazione dei tatuaggi, andando a colpire esclusivamente i pigmenti iniettati, è in grado, infatti, di agire in modo egregio anche su pazienti di carnagione scura. Tale metodo è riuscito dove i precedenti metodi applicati hanno fallito, mirando alla rapidità e alla quasi totale assenza di dolore nella durata dell’intervento.

 

 

IL MECCANISMO ATTRAVERSO IL QUALE AGISCE

Il processo di foto termolisi selettiva, più in particolare, riguarda le cellule del derma colme di pigmento, che vengono investite da un’ energia prodotte in tempi brevissimi, circa 6 nanosecondi. Tali cellule per effetto del laser vengono distrutte e il pigmento presente nello spazio intracellulare viene riversato all’esterno facendo si che venga allontanato e poi eliminato attraverso il percorso linfatico del corpo. La duplice lunghezza d’onda permette inoltre che vengano trattati più tipologie di tatuaggi, che variano a seconda del pigmento: la lunghezza d’onda di 1064 nm è in grado di trattare i pigmenti neri e blu, viceversa la lunghezza d’onda di 532nm ( ci troviamo quindi nello spettro del verde) riesce ad agire sui pigmenti rossi o comunque rosacei.

 

 

I RISLUTATI ATTENDIBILI E

I risultati saranno riscontrabili in tempi diversi, a seconda del motivo per il quale si va ad intervenire, come nel caso dei tatuaggi le sedute si possono limitare a 3-4, a seconda della natura del tatuaggio e della sua grandezza, inoltre, la durezza e l’entità del pigmento possono anch’essi far variare la durata e il numero di interventi. Per tatuaggi più complessi e di grandezza maggiore le sedute necessarie in genere si aggirano intorno al numero di 6-8 sedute, ognuna intervallata da 7-8 settimane di riposo. I risultati sono comunque ottimali e il trattamento garantisce la quasi totale scomparsa del problema che si vuole eliminare.

 

 

Presso il centro Skin Laser Clinic di medicina estetica e laser terapia di Pescara San Benedetto del Tronto, per il trattamento con il Laser Q-Switched 1064 vengono utilizzati categoricamente solo prodotti certificati che garantiscono ai pazienti la massima sicurezza ed affidabilità.