Il laser Nd-Yag è un laser a stato solido che sfrutta come mezzo attivo un cristallo di ittrio e alluminio, per produrre impulsi attraverso l’uso congiunto di diodi laser o lampada stroboscopica. Il laser Nd-Yag 1064 è la tipologia più comune, mettendo impulsi di una lunghezza d’onda pari a 1064nm,nello spettro dell’infrarosso,non visibile quindi all’occhio umano. Tali impulsi possono essere generati dalle apparecchiature in maniera continuo o alternata e spesso in commutazione Q, sfruttando quindi il potere di un’ unita ottica in grado di far raggiungere al laser la massima inversione di popolazione e scaturendo così un impulso in uscita di addirittura 20 Megawatt. Le durate di impulso in genere non superano in 10 nanosecondi e si attestano intorno ai 6 nanosecondi.

 

 

LE APPLICAZIONE DEL LASER ND-YAG IN MEDICINA ESTETICA

Sono numerosi i campi in cui è applicabile la tecnologia del laser Nd-Yag: partiamo dall’oftalmologia fino ad arrivare naturalmente alla medicina estetica, passando anche per i campi di fisiologia e odontoiatria. In medicina estetica la tecnologia Nd-Yag si è dimostrata un ottimo alleato per l’eliminazione di lesioni pigmentarie e più specificamente nella rimozione di tatuaggi e lesioni epidermiche e dermiche.

 

 

IN QUALI CAMPI E’ PIU’UTILIZZATO IL LASER ND-YAG?

Questa tecnologia, in particolare è molto richiesta dai pazienti che vogliono sottoporsi alla rimozione di tatuaggi senza dover ricorrere alla chirurgia vera e propria, o più solitamente per la cura di alcuni caratteristici inestetismi, maggiormente presenti nel sesso femminile, come le teleangectasie degli arti inferiori, i capillari esposti, le couperose e gli angiomiNel caso delle teleangectasie, il calore prodotto dalla strumentazione è in grado di agire sui piccoli vasi sanguigni, causandone la chiusura e di conseguenza la scomparsa senza danneggiare in alcun modo il derma. Nella lotta alle teleangectasie i risultati ottimali in genere si ottengono dopo un numero di 2-3 sedute, intervallate da un periodo di 40-50 giorni. Nelle settimane successive è da evitare la completa esposizione ai raggi solari, utilizzando se necessario delle creme ad effetto schermante. Tali precauzioni sono fondamentali per evitare la comparsa di iperpigmentazioni.

 

 

Nella rimozione dei tatuaggi, il calore selettivo prodotto fa in modo che le cellule ricche di pigmento vadano incontro a collasso, rilasciando così all’esterno i pigmenti che vengono acquisiti dal sistema linfatico e smaltiti dal corpo stesso. La diversa lunghezza d’onda alla quale il laser Nd-Yag è in grado di lavorare fa si che i trattamenti risultino validi contro ogni tipologia di tatuaggio, dai colori più scuri a quelli più chiari. Gli interventi sono esclusivamente indolori e non prevedono alcun particolare pre-trattamento, se non nei pazienti maggiormente fotosensibili, in cui è auspicabile l’uso di una crema anestetizzante prima di intervenire. Il numero di sedute e la durata di quest’ultime variano a seconda dell’entità del problema da trattare e dagli eventuali effetti indesiderati che possono comparire nel post intervento. Spesso, infatti, ai trattamenti si accompagna la comparsa di lievi eritemi o ipo/iper pigmentazioni, che scompaiono però nell’arco di poco tempo.

 

 

Presso il centro Skin Laser Clinic di medicina estetica e laser terapia di Pescara San Benedetto del Tronto, per il trattamento con il Laser Nd Yag 1064 vengono utilizzati categoricamente solo prodotti certificati che garantiscono ai pazienti la massima sicurezza ed affidabilità.