Nuova tecnologia per il rimodellamento del viso e del corpo, il laser 532 frazionato rappresenta una valida alternativa agli interventi chirurgici più invasivi che vengono adoperati per la correzione di rughe ed inestetismi del corpo dovuto all’invecchiamento. È un trattamento del tutto non invasivo che sfrutta il potere del calore per stimolare la formazione di nuovo collagene al livello del derma. Per questo l’intervento è totalmente tollerabile dal paziente e non necessita di alcun intervento anestetizzante.

 

 

LA METODICA DEL LASER FRAZIONATO

Il medico nell’uso del laser frazionato si avvale di una particolare strumentazione dotata di un apparecchio a diodi, che agisce sulla pelle per contatto, in grado di produrre un fascio di luce, caratterizzato appunto da una lunghezza d’onda di 532 nm, capace di agire sulle cellule dell’epidermide stimolandole alla produzione di nuovo collagene, il quale dona nuova elasticità, lucentezza e tonicità alla pelle del corpo. Essendo però un sistema basato sulla produzione di luce e quindi di calore, gli esperti hanno fatto in modo che i diodi dell’apparecchiatura fossero dotati di un particolare metodo di raffreddamento, facendo si che la percezione del calore e quindi di dolore da parte del paziente venisse ridotta al minimo.

 

 

I PRO E I CONTRO DEL TRATTAMENTO

Prima di sottoporsi all’intervento è bene sapere che in pazienti in cui è riscontrabile la presenza di cicatrici ipertrofiche, cheloidi, o infiammazioni  sulla zona da trattare, l’intervento è sconsigliabile. L’intervento è sconsigliato anche per quei pazienti che assumono farmaci foto sensibilizzanti e per coloro che assumono farmaci a basa di vitamina A e derivati. In tal caso il trattamento si può adoperare solo nel caso in cui la somministrazione dei farmaci venga sospesa per almeno 6 mesi prima del trattamento. Nei pazienti per i quali non è riscontrata alcun anomalia o particolarità fisiologica il trattamento è totalmente applicabile e non presenta particolari controindicazioni, fatta eccezione per coloro che si presentano come specificamente sensibili all’intervento, in tal caso nel pre-intervento è applicata una crema anestetizzante per ridurre la sensazione di dolore. Durante tutto il trattamento il paziente sarà dotato di una mascherina per occhi, per proteggere quest’ultimi da eventuali danni che il laser potrebbe arrecare durante l’intervento. Possono in alcuni casi presentarsi degli effetti collaterali, quali la comparsa di eritema sulla regione del corpo interessata, di lieve entità che scompaiono nell’arco di 48 ore. È bene sapere che in rari casi è possibile che si presentino fenomeni di ipo o iperpigmentazione o ancora la comparsa di cicatrici che scompaiono nel giro di 1-2 settimane. Sono consigliati prima e dopo l’intervento l’uso di creme a schermatura solare, per evitare i dannosi raggi UV.

 

 

IL NUMERO E LA FREQUENZA DELLE SEDUTE

Risultati del tutto buoni e accettabili è possibile riscontrarli solo dopo 3-5 sedute, che in genere durano anche 30 minuti, dilazionate nel tempo e con un intervallo tra l’una e l’altra di circa 20-30 giorni.

 

 

Presso il centro Skin Laser Clinic di medicina estetica e laser terapia di Pescara San Benedetto del Tronto, per il trattamento con il Laser Ktp Frazionato 532 vengono utilizzati categoricamente solo prodotti certificati che garantiscono ai pazienti la massima sicurezza ed affidabilità.