Quando si parla di chirurgia intima ci si riferisce a quella serie di interventi estetico-funzionali che mirano a “ripristinare ” la struttura degli organi genitali esterni maschili e femminili. Molto spesso in seguito ad una gravidanza, o per motivi congeniti o semplicemente per un naturale processo di invecchiamento, i genitali femminili perdono quella che era la loro naturale struttura, generando nella donna sensazioni di frustrazione e  ciò può incidere negativamente sulla sfera sessuale. Per gli uomini, benché la dimensione del pene non incida in modo sostanziale sulle prestazioni sessuali, quest’ultimo può ugualmente presentarsi come un problema estetico e anche psicologico, generando eventuali difficoltà nelle capacità di relazionarsi. Per fortuna esiste una soluzione per entrambi i sessi, con interventi in grado di ricostruire l’apparato femminile donandogli quella tonicità ed elasticità persa e ridefinire le dimensioni di quello maschile.

 

 

OPERARE L’INTIMO FEMMINILE

Per l’intimo femminile, gli interventi offerti dalla chirurgia estetica sono molteplici:

 

  •   Ringiovanimento vaginale
  •   Ringiovanimento laser frazionato delle labbra pigmentate
  •   labioplastica
  •   imenoplastica
  •   liposuzione del pube
  •   clitoridoplastica

 

 

Il ringiovanimento vaginale laser (LVR) è il recente passo avanti della ginecologia estetica per un recupero della funzione vaginale perduta a causa dei parti, della carenza ormonale e dell’invecchiamento dei tessuti genitali e non solo dell’apparire estetico. Il ringiovanimento vaginale è indicato per le donne con vagina dilatata o sindrome da rilassamento vaginale, atrofia e secchezza vaginale,  incontinenza urinaria da stress.

 

E’ una procedura innovativa effettuata con uno speciale sistema Laser Erbium-Yag, denominato Petit LadyTM, appositamente dedicato per rendere la tecnica ambulatoriale, non invasiva, indolore, priva di effetti collaterali e dai risultati immediati. La durata media dell’intervento, indolore, è di 10 minuti circa ripetuti in genere  ogni 15 giorni per 3 volte, con un ritorno alle abituali attività pressoché immediato e alla vita sessuale dopo 2 o 3 giorni.

 

 

Il ringiovanimento delle piccole e grandi  labbra pigmentate con laser Erbium-Yag  frazionato permette di ottenere un tessuto vulvare roseo  con un naturale texture setosa, con una procedura completamente indolore ed un ritorno immediato alle usuali occupazioni.

 

 

La labioplastica è l’intervento che corregge il difetto estetico relativo alle piccole labbra troppo esposte, agendo sulle grandi labbra con il lipofilling. L’intervento quindi prevede un aumento delle dimensioni di queste ultime con infiltrazioni di grasso autologo. La durata media dell’operazione è di 30 minuti. L’imenoplastica consente di ricostruire l’imene, la cui rottura è solitamente dovuta alla prestazione sessuale. L’intervento prevede la sutura dei lembi divisi dell’imene.  L’operazione può essere svolta in day hospital e dura circa 30/40 minuti. La liposuzione del pube riduce il tessuto adiposo presente in questa zona tramite l’utilizzo di una cannula apposita. A seconda della quantità di grasso da prelevare l’intervento può avere diversa durata. Per la clitoridoplastica l’intervento prevede una riduzione della grandezza del clitoride senza intaccarne la funzionalità. Per tutte le operazioni l’anestesia locale è sufficiente e solo in alcuni casi si ricorre ad una sedazione più profonda.

 

 

OPERARE L’INTIMO MASCHILE

Per la chirurgia estetica dell’intimo dell’uomo esistono due interventi, uno per aumentarne il diametro e l’altro per aumentarne la lunghezza. Nel primo caso l’operazione prevede il ricorso al lipofilling. Si utilizza infatti il grasso autologo prelevato con delle piccole lipo-aspirazioni in specifiche zone del corpo per poi essere riposto nei genitali di interesse. L’intervento dura circa 1 ora e mezza e prevede una anestesia profonda locale e non necessariamente un ricovero. Per la lunghezza del pene si utilizza la chirurgia laser. Si interviene sul legamento sospensore con il laser potendo così aumentare, anche se di soli pochi centimetri la lunghezza del genitale. Come per il lipofilling è necessaria una anestesia locale. Anche la liposcultura può favorire un allungamento del pene e prevede una aspirazione del grasso dal pube presente alla base del pene.

 

 

FASE POST-OPERATORIA FEMMINILE

A seconda del tipo di intervento di chirurgia intima, la paziente può tornare alle usuali attività da subito oppure osservare precauzioni,  dalla rinuncia alle  attività sportive e sessuali per almeno il primo mese per favorire una buona guarigione interna o esterna. Ogni intervento viene accompagnato da una esauriente informazione sulle indicazioni, modalità ed accorgimenti da osservare. Vanno inoltre assunti i medicinali prescritti dal chirurgo plastico.

 

 

FASE POST-OPERATORIA MASCHILE

Per riprendere definitivamente le attività sessuali è necessario attendere almeno 20 giorni. La fase post-operatoria può presentare a seconda del soggetto e dell’intervento diverse tempistiche di guarigione, per i fumatori infatti i tempi possono prolungarsi di più.

 

 

RISCHI DELLE OPERAZIONI

La chirurgia intima sia maschile che femminile può presentare dei rischi connessi a possibili infezioni o perdita della sensibilità della zona operata. Perché ciò non avvenga l’operazione va eseguita da un medico esperto in questo campo della chirurgia e in un luogo ben sterilizzato.

  

 

Per maggiori informazioni potete visitare il nostro sito dedicato www.ringiovanimentovaginalelaser.it

 

 

Il Dott. Fabio Marini e il Dott. Domenico D'angelo presenti anche sul giornale internazionale PRIME, la rivista scentifica leader della chirurgia e medicina estetica.
 
 
Sito ufficiale: www.prime-journal.com
 
 
Scarica e/o leggi l'articoloDownload Prime Journal

 

 

Presso il centro Skin Laser Clinic di chirurgia estetica di Pescara San Benedetto del Tronto, per il trattamento di chirurgia intima vengono utilizzati categoricamente solo prodotti certificati che garantiscono ai pazienti la massima sicurezza ed affidabilità.